Commento al Vangelo del giorno: 01 Agosto 2019 – L’amore mette pace in noi stessi!

Il Vangelo di oggi: Mt 13,47-53:

Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.

paceIn quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:«Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata ne mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche». Terminate queste parabole, Gesù partì di là.

Contemplo:

L’impegno del bene:
Quanta disperazione nei cuori per le difficoltà della vita, per l’incomprensione degli altri, per quello che vediamo attorno a noi, per le ingiustizie che si compiono e di cui tante volte siamo vittime. Sperare in Dio non è come sperare negli uomini che sono povere creature come noi e che non possono neppure sorreggere il nostro desiderio e la nostra piccola fiducia. Sperare vuol dire resistere a quello che ogni giorno vediamo di brutto nella vita., speranza vuol dire guardare al di là di questa breve giornata terrena, vuol dire pensare a una giustizia che viene, perché Dio si è impegnato a far camminare il mondo nella giustizia, perché il male non potrà trionfare, perché Cristo ha preso l’impegno del bene.

Commento al Vangelo del giorno:

“Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.”
Il Signore sembra duro nel pronunciare queste parole: a volte abbiamo bisogno di essere scossi per portare la nostra attenzione a ciò che più è importante! Gesù ci invita a fare silenzio dentro di noi ogni giorno, per conoscerci, per individuare ciò che ci fa male, ci fa sentire tristi, e valorizzare ciò che è buono; ma nello steso tempo ci invita ad accettarci per quello che siamo, nella nostra integrità. Gesù ci ama così come siamo. Il Signore ci salva integralmente: le nostre debolezze, ciò che a volte riteniamo vergognoso, da tenere nascosto, spesso è la strada verso il suo amore. Non dobbiamo pensare al bene e al male nell’ottica di chi giudica, ma nell’ottica di chi ama, di chi dà tutto se stesso per i fratelli. Non possiamo solo giudicarci pensando al bene ed al male, né amare senza una tensione interiore alla perfezione. Gesù ci dà un messaggio in più: il bene ed il male sono dentro di noi, non possiamo sfuggire, ma è l’amore che ci permette di mettere pace in noi stessi, andare verso gli altri e rimanere uniti a Lui. Dobbiamo quindi unire il giudicare e l’amare riassumendo nuovo, l’amore, e ciò che è antico, la legge.