Commento al Vangelo del giorno – 01 Gennaio – andarono senza indugio!

Il Vangelo di oggi: Lc 2, 16-21

Adorazione PastoriIn quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Commento al Vangelo di oggi:

Il nome di Gesù significa «Dio salva» e Gesù è la nostra Pace (Ef 2,14). Oggi veneriamo Maria, sua Madre, che è la Regina della pace. «Santa Maria, Madre di Dio, Madre nostra, insegnaci a credere, sperare e amare con te. Indicaci la via verso il Regno di Gesù! Stella del mare, brilla su di noi e guidaci nel nostro cammino! »

I pastori andarono senza indugio: si misero subito in cammino. Quale annuncio oggi è capace di mettermi in cammino? Cosa deve fare Dio per smuovere la mia coscienza? Lo vedo da cosa che ho bisogno di essere salvato? Noi vediamo che la vita di questi uomini viene cambiata da quest’annuncio. Si mettono in cammino, arrivano alla grotta, cominciano a testimoniare ciò che del bambino è stato detto loro. Parlano di Dio. Parlare di se, di quello che so, ho, che faccio, è certamente importante, ma parlare di Dio è un’altra cosa. Noi siamo un po’ restii alle novità, forse ne abbiamo un po’ paura. E’ importante non chiudersi alla novità. La novità è che è nato un bambino, un salvatore. Proviamo ad ascoltarlo e a renderci conto della qualità dell’annuncio che ci fa. Se io mi rendo conto della qualità dell’annuncio, non posso non parlarne. Il segno che ho ascoltato è che ne ho parlato, perché certe cose non si possono tacere. Per conoscerlo devo andare alla grotta e cercare di vedere se c’è una novità, ascoltare cosa mi dice Dio. É importante parlare di Dio, non c’è nulla di più importante, e non c’è niente che possa darmi maggior dignità. Non si tratta di fare la morale; in questo siamo tutti maestri, si tratta di parlare di Dio. Per farlo cominciamo con il parlare di questo bambino. Sono duemila anni che Dio ci parla di se tramite Gesù, proviamo a farlo anche noi.
Desidero farmi e farvi un augurio per questo nuovo anno: che possiamo tutti diventare maestri nel parlare di Dio.