Commento al Vangelo del giorno: 02 Luglio 2017 – Ritrovare la vita

Il Vangelo di oggi: Mt 10,37-42

perdono di dioChi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me; chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di me. Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà. Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. Chi accoglie un profeta come profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto come giusto, avrà la ricompensa del giusto. E chi avrà dato anche solo un bicchiere di acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è mio discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».

Commento al Vangelo del giorno:

Nel Vangelo di oggi Gesù ci esorta a “prendere” la nostra vita per seguirlo sulla via della croce. Non ci spaventi un tale invito, poiché significa lasciare le nostre piccole vie per dirigerci sulla via che conduce al suo regno di luce. Seguire Gesù significa «camminare in una vita nuova», una vita dal respiro eterno, una vita che è precisamente il dono di Dio in Cristo Gesù.

Chi nella storia ha mai osato pronunciare parole simili, tanto radicali e di portata universale? Solamente Gesù poteva farlo, perché Egli è Dio e perché sono molti gli uomini e le donne che, lungo i secoli, hanno confermato con la propria vita la verità di tali dichiarazioni divine. Gesù deve essere amato più di chiunque e preferito a tutti; perfino i legami naturali più stretti passano in secondo piano di fronte a Cristo, specialmente per chi ha lasciato tutto per seguirlo sulla via della consacrazione. Ma in realtà — fatte le debite proporzioni — ciò vale per ogni battezzato seguace del Risorto. «Chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà». Questa è pure l’esperienza — ricalcata innumerevoli volte nella storia — dei martiri e dei santi che hanno puntato tutto sul Vangelo, e non sono rimasti delusi. La Chiesa lo conferma in modo solenne, proclamandoli beati e canonizzandoli, cioè proponendoli quali esempi illustri al resto dell’umanità, ancora pellegrina nel tempo, e chiamata a trovare in Cristo la via, la verità e la vita eterna. Il Vangelo ci offre un altro dato per alimentare la nostra fede nelle promesse del Signore: ogni semplice gesto, come pure il semplice dar da bere un bicchiere d’acqua, se animato dalla carità, non resterà senza ricompensa su questa terra come in cielo.