• Home »
  • Vangelo di oggi »
  • Commento al Vangelo del giorno – 03 Dicembre – Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli

Commento al Vangelo del giorno – 03 Dicembre – Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli

Il Vangelo di oggi: Mt 7,21.24-27

casa sulla rocciaIn quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande».

Commento al Vangelo di oggi:

Chi ascolta le parole di Gesù e le mette in pratica «ha costruito la sua casa sulla roccia». La roccia, affidabile e sicura, dalla quale sgorga l’acqua viva, «è il Cristo» (cf 1Cor 10,4). «Confidate nel Signore sempre, perché il Signore è una roccia eterna. Egli ha abbattuto coloro che abitavano in alto, ha rovesciato la città superba» (Is 26,45). Gesù è la «pietra viva, rifiutata dagli uomini, ma scelta e preziosa davanti a Dio». Con Lui la sua Chiesa è «edificio spirituale»

Su cosa stiamo costruendo la nostra casa interiore? sulla sabbia delle opinioni del mondo o sulla roccia della Parola immutabile di Dio? Spesso, troppo spesso, siamo travolti dalle cose da fare e diamo per assolute una serie di verità che tali non sono. È il mondo a stabilire le nostre priorità, i nostri sogni, i nostri umori. Se avessimo il coraggio infine, di prendere sul serio il vangelo! Di metterlo come fondamenta delle nostre scelte quotidiane! Chiederci, davanti a una scelta, cosa avrebbe fatto Gesù al posto nostro e chiedere allo Spirito di intervenire nel nostro discernimento! Le nostre sono case fragili che costruiscono quartieri fragili che costituiscono grandi città fragili basate sull’opinione, sull’emozione, sulla rabbia, sulla parte oscura che abita in ciascuno di noi! Basta un soffio di vento per ribaltare le nostre opinioni, per cambiare le nostre prospettive. Siamo preda del sentire comune, incapaci, spesso, di avere idee personali. Mettiamoci alla scuola del vangelo, davvero, sul serio. Facciamo in modo che sia la Parola a valutare le nostre scelte a fornire un giudizio credibile e definitivo sul mondo.