Commento al Vangelo del giorno – 04 Maggio – Molte cose ho ancora da dirvi

Il Vangelo di oggi: Gv 16,12-15

gesu paraclitoIn quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Commento al Vangelo del giorno:

Padre del cielo, tu sai che noi abbiamo bisogno di molte parole per raggiungere la verità, ma tu hai voluto comunicare a noi in una sola volta, la tua Parola divina, tuo Figlio, Gesù Cristo nostro Signore, e la promessa dello Spirito di verità. «Quando arriveremo alla tua presenza cesseranno le molte parole che diciamo senza giungere a te (Sir 43,27) e senza fine diremo una sola parola, lodandoti in un solo slancio, divenuti anche noi una sola cosa con te, Signore, unico Dio, Dio Trinità» (sant’Agostino).

Trovo una bella meditazione di un certo Fra’ Vincenzo Boschetto, la condivido con voi, affinché insieme impariamo a considerare la preghiera un incontro di libertà, come certamente è stato per Maria: “La maturazione della preghiera avviene dentro di noi, perché “l’essenziale della preghiera non sta nel molto pensare, ma nel molto amare” (santa Teresa d’Avila). È un trovare Dio nel proprio intimo, cioé amarlo e vivere in relazione con Lui. Anche gli stessi Apostoli sentivano il desiderio di stare con Gesù, di salire sulla barca con Lui per riferirgli tutto quello che avevano fatto ed insegnato. È la nostra vita ordinaria.“Se dunque possiamo identificare la preghiera con la vita stessa del cristiano non dobbiamo però sottovalutare la preghiera come forma di comunicazione con Dio. Ogni cristiano, la cui vita in forza del battesimo deve essere conformata a Cristo, non può tralasciare un costante ed intenso dialogo col Signore Dio, datore della vita e fonte d’amore”. Preghiamo, dialoghiamo con Dio e lo Spirito ci guiderà “alla verità tutta intera”.