Commento al Vangelo del giorno – 04 Marzo – Seguimi

Il Vangelo di oggi: Lc 5,27-32

seguire gesuDopo ciò egli uscì e vide un pubblicano di nome Levi seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi!». Egli, lasciando tutto, si alzò e lo seguì. Poi Levi gli preparò un grande banchetto nella sua casa. C’era una folla di pubblicani e d’altra gente seduta con loro a tavola. I farisei e i loro scribi mormoravano e dicevano ai suoi discepoli: «Perché mangiate e bevete con i pubblicani e i peccatori?». Gesù rispose: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori a convertirsi »

Commento al Vangelo del giorno:

Seduto al banco delle imposte, Levi, l’evangelista Matteo, si sent e chiamare: «Seguimi!». Matteo, lasciando tutto, lo seguì. Il Signore è vicino anche a noi nelle nostre occupazioni quotidiane e ci chiama: «Seguimi!», cioè: «Ascolta la mia voce, seguimi nella via della bontà e della mitezza, abbandona ogni orgoglio e ogni male; seguimi nella via della vita».

Durante questa quaresima vogliamo mettere al centro la fede, fede da consolidare, da purificare, da testimoniare, da conoscere. E il vangelo di oggi ci fornisce una linea di pensiero salda e proficua: la fede non è anzitutto credere ad un “corpus” di contenuti, non è una dottrina da mandare a memoria ma una persona da incontrare. Credere significa accogliere la provocazione del Signore Gesù che ci viene incontro e ci invita a seguirlo. Noi crediamo ad una persona, a ciò che egli ci ha detto, e “credere” significa fidarsi di lui. Gesù è credibile perché vive ciò che dice, perché parla di Dio in maniera nuova, perché è autorevole. Così conoscerlo significa entrare nel suo mondo, conoscere il Padre e ricevere il dono dello Spirito che ce lo rende accessibile. L’iniziativa parte sempre da Dio: è lui che ci viene incontro e ci invita, senza condizioni, senza pregiudiziali. Levi il pubblicano è la persona più lontana dalla fede che si possa immaginare ma Gesù non se ne preoccupa. Vede in Levi il Matteo che può diventare, non ha paura di osare. Lasciamoci incontrare, allora, non abbiamo paura della nostra fragilità e delle nostre malattie interiori perché il Signore viene apposta per quelli come noi…

Paolo Curtaz