Commento al Vangelo del giorno: 05 Agosto 2019 – Dove c’è Dio niente ci manca

Il Vangelo di oggi: Mt 14,13-21:

«Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare»

gesu moltiplica pani e pesciIn quel tempo, avendo udito, della morte di Giovanni Battista, Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati. Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare». Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!». Ed egli disse: «Portatemeli qui». E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla. Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

Contemplo:

Abbiamo cercato altrove

Tu potresti abbandonarci al nostro destino. In fondo la colpa è nostra. Siamo noi che abbiamo dubitato del tuo amore. ….Siamo noi che ci siamo allontanati dalle tue vie…Siamo noi che abbiamo sbattuto la porta di casa perché ci sembrava di essere in una prigione. Abbiamo cercato altrove la sorgente della felicità. Abbiamo cercato lontano da te perché la tua presenza ci sembrava eccessiva, le tue richieste troppo esigenti, la tua parola troppo dura, la tua alleanza troppo assillante. Quando abbiamo dovuto ammettere di esserci sbagliati, di avere perso la nostra felicità, tu potevi abbandonarci alla nostra sorte, oppure potevi rimproverarci severamente. E invece tu ci sei venuto incontro. Tu ci hai cercati per mostrarci misericordia.

Commento al Vangelo del giorno:

All’inizio di questo brano si ha la sensazione che Gesù, dopo aver ricevuto la notizia della morte del cugino, voglia scappare, chiudersi con il suo dolore in se stesso, lontano dal mondo. Reazione umana alla morte di un familiare. Tuttavia Gesù non è un uomo come gli altri; la folla non gli dà tregua, lo insegue, lo cerca, ha sete e fame. Gesù allora non solo accoglie il popolo richiedente, ma dà loro conforto spirituale e materiale, precorrendo ciò che avverrà più avanti, dando loro se stesso da mangiare. Il Signore abbraccia simbolicamente le persone che l’hanno seguito, dandoci testimonianza che non abbiamo di che avere paura; anche se ci sembra che lui sia lontano, in realtà è al nostro fianco, pronto ad accompagnarci e nutrirci. Dove c’è Dio niente ci manca: se anche noi sappiamo donare noi stessi non solo noi avremo ciò di cui abbiamo bisogno, ma anche gli altri che incontriamo e ne avanzerà!