Commento al Vangelo del giorno: 06 Luglio 2017 – Forte dell’autorità del Padre

Il Vangelo di oggi: Mt 9,1-8

Salito su una barca, Gesù passò all’altra riva e giunse nella sua città. Ed ecco, gli portarono un paralitico steso su un letto. Gesù, vista la loro fede, disse al paralitico: «Coraggio, figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati». Allora alcuni scribi cominciarono a pensare: «Costui bestemmia». Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse: «Perché mai pensate cose malvagie nel vostro cuore? Che cosa dunque è più facile, dire: Ti sono rimessi i peccati, o dire: Alzati e cammina? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere in terra di rimettere i peccati: alzati, disse allora il paralitico, prendi il tuo letto e và a casa tua». Ed egli si alzò e andò a casa sua. A quella vista, la folla fu presa da timore e rese gloria a Dio che aveva dato un tale potere agli uomini.

Commento al Vangelo del giorno:

Il Signore chiede ad Abramo di sacrificare suo figlio Isacco. Ciò non accadrà, poiché il Signore «vede» l’obbedienza di Abramo e ha preparato un ariete per il sacrificio. Abramo chiama quel luogo «il Signore vede»; da ciò viene anche il detto «Sul monte il Signore si fa vedere». Abramo ha affrontato una dura prova, ma il Signore non lo ha abbandonato, anzi gli ha fatto «vedere» e sentire la sua provvidenza e la sua misericordia.

Il Vangelo ci presenta la guarigione di un paralitico. Costui viene condotto da Gesù e, ancor prima che abbia modo di fare la sua richiesta, Gesù gli perdona i suoi peccati. La reazione dei farisei non si fa attendere: nell’angolo più intimo del loro cuore essi gridano: “Ha bestemmiato!”. Gesù, che conosce i loro pensieri, dà loro un’ulteriore prova della sua divinità, guarendo il malato. Il brano termina con l’ammirazione della moltitudine, che subito prese a dar gloria a Dio.
Per i farisei non era poi così difficile credere nei miracoli di Gesù, ma era davvero inaudito che questo sedicente maestro perdonasse i peccati: non bisognava essere degli esperti di sacra Scrittura per comprendere che questa era una prerogativa di Dio, e di Lui soltanto. Eppure Gesù non si lascia intimorire: Egli, forte dell’autorità del Padre che lo ha mandato, vuole salvare tutto l’uomo, nel corpo prostrato dalla malattia, ma soprattutto nell’anima ferita dal peccato. Il perdono di Dio, dunque è il vero balsamo che può guarire tutte le malattie, comprese quelle fisiche: disponiamoci a chiedere sempre questo balsamo rigenerante, in modo che anche noi possiamo fare la gioiosa esperienza di essere salvati da Lui.