Commento al Vangelo del giorno: 12 Gennaio 2018 – Egli è il vero Re

Il Vangelo di oggi: Mc 2,1-12

gesu guarisce paraliticoEd entrò di nuovo a Cafarnao dopo alcuni giorni. Si seppe che era in casa e si radunarono tante persone, da non esserci più posto neanche davanti alla porta, ed egli annunziava loro la parola. Si recarono da lui con un paralitico portato da quattro persone. Non potendo però portarglielo innanzi, a causa della folla, scoperchiarono il tetto nel punto dov’egli si trovava e, fatta un’apertura, calarono il lettuccio su cui giaceva il paralitico. Gesù, vista la loro fede, disse al paralitico: «Figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati». Seduti là erano alcuni scribi che pensavano in cuor loro: «Perché costui parla così? Bestemmia! Chi può rimettere i peccati se non Dio solo?». Ma Gesù, avendo subito conosciuto nel suo spirito che così pensavano tra sé, disse loro: «Perché pensate così nei vostri cuori? Che cosa è più facile: dire al paralitico: Ti sono rimessi i peccati, o dire: Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati, ti ordino – disse al paralitico – alzati, prendi il tuo lettuccio e và a casa tua». Quegli si alzò, prese il suo lettuccio e se ne andò in presenza di tutti e tutti si meravigliarono e lodavano Dio dicendo: «Non abbiamo mai visto nulla di simile!».

Contemplo:

Esulto nel tuo nome, o Dio
Il salmista reputa beato il popolo che sa acclamare il nome del Signore, poiché ha trovato la via della vera sapienza: siamo stati creati da Dio e a lui dobbiamo tornare. Chi crede in lui cammina «alla luce del suo volto» (Sal 88,16). In qualsiasi circostanza della vita, teniamo il cuore rivolto a Dio, alla sua presenza in noi che ci dà gioia profonda e pace.

Commento al Vangelo del giorno:

La persona paralizzata di cui ci parla il vangelo può rappresentare tutta l’umanità che non cammina, non cresce non va avanti. Forse non cammina perché non ha trovato la guida sicura o ha cambiato la guida, oppure l’ha persa. Il popolo di Israele vuole avere un re umano che lo guidi rifiutando il vero e l’unico re che è Dio. Dio stesso lo permette dandogli così l’occasione di capire che è proprio lui stesso la vera guida nei momenti sia buoni sia difficili. Il re così desiderato dal popolo antico, è Gesù Cristo. Il ritornello del salmo lo conferma: Sei tu, Signore, la guida del tuo popolo. Egli è il vero re perché in lui misericordia e fedeltà fanno corona alla sua potenza ed egli domina su tutto. In lui la giustizia e il diritto sono la base del suo trono. Egli ha il potere di perdonare, di rimettere i peccati. Per questo merita di essere glorificato,  benedetto come lo fanno quelli di cui il vangelo parla. Essi diventano quel popolo beato che sa acclamare il Signore e che cammina alla luce del suo volto (Sal 88, 16). Cristo è questa guida ed essere con lui è camminare alla luce del suo volto. Chi non cammina con lui è come la persona paralizzata del vangelo. Egli è venuto per portare tutti, per guidare tutti verso il Padre. Come possiamo fare per essere con Cristo e averlo come guida? A noi viene chiesta la fede, una fede creativa nell’annuncio della parola di Dio. Ci vuole un fede testimoniata con la propria vita, una parola vissuta, praticata nell’amore. Questa può condurre l’umanità paralizzata verso Cristo.