Commento al Vangelo del giorno: 14 Gennaio 2019 – Bisogna convertirci

Il Vangelo di oggi: Mc 1,14-20

”Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini”

seguire gesuDopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini ». E subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. Subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedeo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.

Contemplo:

Il gusto di Dio
Nel tempo della preghiera intendiamo trovare o ritrovare nella calma la volontà di Dio sulla nostra vita. Sono mille e mille i motivi in cui il Signore ci invita ogni giorno a scoprire e compiere la sua volontà. Riprendere con serietà la strada dell’adesione quotidiana al disegno di Dio è l’obiettivo che si raggiunge attraverso un’esperienza immediata di Dio stesso, nella grazia dello Spirito Santo. Lo Spirito tocca immediatamente l’anima, dà il gusto di Dio, della preghiera, il gusto dell’ascolto della Parola di Dio, la Parola che ci ha generato e che continuamente ci genera; e, soprattutto, il gusto della ricerca della volontà del Signore.

Commento al Vangelo del giorno:

Ci ritroviamo ancora una volta proiettati in Galilea per contemplare l’inizio della predicazione di Gesù, con la quale il Messia atteso, realizzando il compimento delle promesse e rendendo vicino il regno di Dio, si presenta al mondo. Il nocciolo di tale predicazione è sintetizzato nell’invito ad una conversione che, per essere efficace, non può essere considerata solo in chiave moralistica, ma va accompagnata dall’accoglienza della persona di Gesù e della buona notizia del suo Vangelo, quella che permise ai primi discepoli di cambiare vita.
Per credere nel Vangelo bisogna convertirsi. Ciò vuoi dire che non si può accogliere la novità della buona notizia se prima non si è lasciato quel modo di vivere e di pensare che impedisce al nostro cuore di ricevere la novità dirompente del Vangelo. Per fare questo ci vuole tanto coraggio: non sempre, infatti, è facile lasciare i nostri modi di fare e le nostre convinzioni sbagliate. Gesù ci conosce profondamente e sa che per essere capaci di cambiare dobbiamo stare vicino a lui, innamorarci sempre di più della sua Parola e del suo messaggio d’amore; questo significa essere discepoli e convertirsi veramente. Gli amici del Signore sono proprio quelli che, conquistati dal Vangelo, decidono di rischiare la vita, certi che ciò che si perde per Gesù Cristo lo si acquista per la vita eterna.