Commento al Vangelo del giorno: 15 Novembre 2018 – L’essenziale è invisibile agli occhi

Il Vangelo di oggi: Lc 17,20-25

Il regno di Dio è in mezzo a voi.

In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno: “Eccolo là”, oppure: “Eccolo qui”; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all’altro del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel suo giorno. Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione».

Contemplo:

Tu sei il Dio fedele:
So che posso contare su di te, in qualsiasi momento. Anche quando me ne sono andato, sbattendo la porta di casa, e portandomi appresso metà patrimonio. Anche quando ho abbandonato la tua via per camminare per altri sentieri, salvo poi accorgermi di avere sbagliato tutto. Anche quando ho voluto liberarmi di te, della tua presenza, della tua Parola. Tu sei il Dio fedele, sempre, in qualsiasi situazione. Nulla può trattenerti dal continuare ad amarmi perché sono tuo figlio. La mia fedeltà verso gli altri viene meno quando sperimenta tradimento e inganno. Tu invece resti fedele a noi anche quando abbiamo preferito idoli di ogni genere.

felicita-cristiana

Commento al Vangelo del giorno:

Il Vangelo di oggi ci dice che ciò che per cui vale la pena di vivere non viene in modo tale da attirare l’attenzione, ma è nascosto nelle cose di ogni giorno, è già qui. E se questo è vero, allora ci domandiamo come facciamo a prenderlo sul serio, se non ce ne rendiamo nemmeno conto? Forse perché noi siamo abituati a investire energie su cose che ci emozionano e ci attraggono, ma quasi mai ci accorgiamo che ciò che conta è la cura per i dettagli più insignificanti del nostro esistere. In ciò che noi chiamiamo abitudine, routine, è nascosta quella felicità che attendiamo guardando fuori dalla finestra e pensando che sarà domani il giorno giusto. Ogni giorno diciamo “domani”, “dopo”, ma mai “adesso”, “qui”. Il modo migliore di prendere la pagina del Vangelo di oggi è quella di smettere di voler vedere con gli occhi ciò che conta e di fare invece memoria che ciò che conta è invisibile agli occhi. Ce lo ricorda anche Il piccolo Principe: “L’essenziale è invisibile agli occhi”. Ma il cuore lo vede bene, perché il cuore non vede per immagini, ma per gusto. Il cuore percepisce il senso delle cose.