Commento al Vangelo del giorno – 16 agosto – «Allora, chi può essere salvato?».

mar18ago09_2

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».
A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile».
Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi».


Medita

Con i soli Comandamenti è difficile attraversare il deserto della storia. Le tentazioni sono infinite. Satana mai si stanca di chiedere la nostra anima, il nostro spirito, la nostra mente. Mai si arrende nella volontà di trascinarci fuori strada. Lui vuole la nostra morte spirituale da trasformare in morte eterna. Gesù vede questa pesante difficoltà dell’uomo e lo dice con parole inequivocabili: “Difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli”. Non perché è ricco, ma perché diviene servo della sua ricchezza.
La ricchezza è un mezzo. Quando si trasforma in fine, nel fine della propria vita, si compie la più grande disumanizzazione della persona. Essa si svilisce. Da signore su tutto il creato diviene servo delle cose, schiavo di esse, lavora per esse, per esse si consuma. Alla fine dalle cose viene dilaniato, divorato, privato di ogni dignità, perché viene privato di Dio, il suo sommo ed univo vero, eterno bene. Per questo motivo “è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio”. È difficile entrare nel regno di Dio quando si è schiavi della ricchezza. Essa è un padrone esigente. Per servirla bisogna vendersi Dio, la propria coscienza, i propri fratelli. Quando si è schiavi di essa, l’uomo perde la sua umanità.
Il regno di Dio dona all’uomo la sua vera umanità. Gli dona una umanità ancora più mirabile di quella ricevuta dal primo uomo e dalla prima donna. Gli dona una umanità resa tutta partecipe della natura divina. La nuova umanità è elevazione alla figliolanza adottiva di Dio. In questa elevazione Dio ci rende partecipi della sua divina ed eterna carità. Fa di noi un dono, il suo dono, per la redenzione del mondo. Ci offre allo stesso modo che ha offerto Cristo Gesù. Nella nuova umanità si diventa vittime di amore, carità, salvezza, giustificazione dei nostri fratelli. Perché questo avvenga è necessaria la libertà da tutte le cose di questo mondo. Possiamo essere dono se siamo liberi. Se ci siamo consegnati alle cose, le cose e non Dio sono il nostro padrone.
Nulla è impossibile a Dio e alla sua grazia, perché nulla è impossibile all’uomo che si mette in ginocchio e chiede in una preghiera accorata al Signore che pieghi il suo cuore per l’accoglienza di tutta la divina volontà. D’altronde l’esempio lo ha offerto a noi lo stesso Gesù Signore. Lui, ricco, ricchissimo della sua vita umana, dinanzi al mistero della sua passione e morte, avrebbe anche potuto rifiutare la perfezione altissima cui il Signore lo chiama alla condizione però do vendere il suo corpo, darlo ai poveri, cioè all’umanità intera, e poi seguire Lui fin sulla croce.
Gesù non ritenne un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio e con gli uomini, Nell’Orto degli Ulivi pregò sudando sangue. Riuscì a vendere il suo corpo, a darlo alla povera umanità per sempre dalla croce e dall’altare, seguì il Padre, ora risplende nella più alta perfezione nei Cieli con un corpo glorioso, spirituale, immortale, incorruttibile. Il rischio per ogni uomo è quello di volersi appropriare della ricchezza del suo corpo e farne un uso solo egoistico. Se invece gli dona la dimensione del dono, della carità, dell’amore, della santità, dell’elargizione, entrerà in quella perfezione terrena e celeste che lo renderà perfetto strumento di salvezza e di redenzione per il mondo.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci perfetti per il nostro Dio.