Commento al Vangelo del giorno: 18 Maggio 2019 – Conoscere il volto di Dio

Il Vangelo di oggi: Gv 14, 7-14:

le opere del padre“Chi ha visto me ha visto il Padre.” In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse. In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.

Medita:

“Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli: conoscerete la verità”. La parola odierna ci invita a metterci sotto lo sguardo di Cristoverità, immagine del Padre. Come è possibile contemplare il volto del Padre se non rimanendo in ascolto del Maestro che ce lo rivela? Quanto più rimaniamo in Cristo, nella sua amicizia, assumendo i suoi sentimenti di umiltà e di compassione per l’umanità, tanto più potremo conoscere il volto di Dio Padre di misericordia, lento all’ira e grande nell’amore. Così potremo partecipare del privilegio di comunione col Padre nel Figlio, nel cui nome qualsiasi cosa chiederemo abbiamo speranza di ottenerla. Chiediamo il dono, di essere figli autentici del Padre, discepoli del Maestro Gesù, per diventare strumenti della verità.