• Home »
  • Vangelo di oggi »
  • Commento al Vangelo del giorno – 22 Settembre – coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica

Commento al Vangelo del giorno – 22 Settembre – coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica

Il Vangelo di oggi: Mc 8, 19-21

gesu e i suoi fratelliIn quel tempo, andarono da Gesù la madre e i suoi fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla. Gli fecero sapere: «Tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e desiderano vederti». Ma egli rispose loro: «Mia madre e miei fratelli sono questi: coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica».

Commento al Vangelo di oggi:

Colui che ascolta la parola di Dio è madre e fratello di Gesù, cioè suo familiare, suo intimo confidente. Ascoltare la parola di Dio diventa così un perno fondamentale della nostra unione a Cristo, tanto da costituire la nostra beatitudine, la nostra più profonda felicità. Purtroppo siamo spesso distratti da tante vicende o da tanti problemi e non sempre ci poniamo in ascolto, per questo è importante avere momenti di preghiera e di riflessione in cui ascoltare col cuore quanto il Signore vuole comunicarci.

Gesù propone un modello famigliare e di relazione che supera ampiamente l’idea sociale e culturale che ci siamo fatti della famiglia e delle relazioni umane (anche noi cattolici!). All’epoca di Gesù l’influenza del clan famigliare era determinante, fortissima, e tutto ruotava intorno alle decisioni del capo-famiglia. La Bibbia riflette lungamente sulle qualità del buon capofamiglia confermando l’impianto culturale di tale ruolo. Gesù, invece, supera questa impostazione: l’unione fra le persone non è più determinata da legami di sangue ma dalla consapevolezza di essere figli dello stesso Dio, di fare la stessa esperienza di fede, di appartenere alla stessa comunità di vita. Chi ascolta la Parola e la accoglie stabilisce con gli altri fratelli legami più autentici e profondi di quelli, spesso di facciata, determinati dall’appartenenza allo stesso clan. È l’esperienza che fanno molti di noi che vivono un’intensità di relazione molto forte con chi ha fatto la nostra stessa scoperta: siamo figli amati dal Padre. È una consolazione immensa, e non solo per chi ha vissuto una sconfortante esperienza famigliare e che ritrova nel sogno di Dio che è la Chiesa la possibilità di essere accolto e di accogliere, ma per tutti!