Commento al Vangelo del giorno – 26 Aprile 2017 – Hanno preferito le tenebre

Il Vangelo di oggi: Gv 3,16-21

Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è gia stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio.

Commento al Vangelo del giorno:

«La luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce». Noi siamo ancora nel mondo, nella lotta contro il peccato, ma ci conforta il pensiero che «Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio» e ormai «le tenebre stanno diradandosi e già appare la luce vera» (lGv 2,8). Seguiamo con gioia il Signore Gesù, nostra speranza, per vivere nella pienezza della sua luce.

“Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, affinché chiunque creda in lui non perisca, ma abbia la vita eterna”. Qui è condensato in poche parole il perché del mistero dell’incarnazione, morte e resurrezione della seconda persona della Santissima Trinità: l’amore! Davanti ad un amore tanto grande, il cristiano non può dare un’altra risposta valida che essere figlio della luce, camminare nella verità e compiere la verità nella propria vita. Questo è il messaggio che Cristo desidera lasciarci. Non c’è niente che possa piacere di più a Dio che vedere i suoi figli che camminano nella luce verso di Lui. Amore con amore si ripaga, dice l’adagio popolare. Ed è vero che non c’è niente che eguagli l’amore: né il denaro, né la gloria, né il potere… Dunque, la nostra risposta a Dio non può essere altro che amore. Amarlo in ogni momento della nostra vita. Quando dobbiamo alzarci, quando dobbiamo andare a scuola o al lavoro, quando stiamo in famiglia, o con gli amici. Quante volte, durante il giorno, ci domandiamo se quella che stiamo compiendo è una risposta d’amore all’amore che Dio ha per noi? Solo se siamo consapevoli dell’amore che Dio ha avuto per noi, potremo rispondergli col nostro amore.