Commento al Vangelo del giorno – 27 Luglio – Il regno dei cieli è simile a…

Il Vangelo di oggi: Mt 13, 44-46

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: «Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo. Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra ».

regno dei cieli

Commento al Vangelo del giorno:

La forza di ogni decisione buona proviene dalla gioia di chi scopre, nella Parola di Dio, il tesoro e la perla della sua vita. Ognuno di noi è chiamato a vivere con responsabilità il dono ricevuto: «A ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per l’utilità comune » (1Cor 12,7).

Luogo privilegiato dell’incontro quotidiano con Dio è la preghiera; trattandosi di un incontro, perché sia autentica e valida non può essere frettolosa, distratta, e superficiale, ma raccolta, profonda, intima. Spesso, infatti, non ci viene facile pregare, perché richiede sforzo, concentrazione, abbandono di tutto ciò che non è Dio. Innanzitutto, dunque, occorre essere consapevoli che mettersi in preghiera significa disporsi all’incontro con il Signore. Questo incontro ci spinge, poi, verso il mistero, fino ad affidare nelle mani del Signore i nostri desideri più intimi. Questa disponibilità che può scaturire solo dall’accoglienza sincera della volontà di Dio per la propria vita. Pregare è accogliere l’altro, è trasformazione e gioia. Dio e l’uomo s’incontrano,in una maniera che si può comprendere soltanto col cuore. L’anima si apre a Dio, ed Egli opera nella vita di colui che lo accoglie.
Questo è il tesoro prezioso, per cui vale davvero la pena rinunciare al resto, l’occasione da non perdere. Inoltre, come dice il Catechismo della Chiesa cattolica (n. 2743):
“Pregare è sempre possibile: il tempo del cristiano è il tempo di Cristo risorto, che è con noi “tutti i giorni” (Mt 28,20), quali che siano le tempeste (cf Lc 8,24). Il nostro tempo è nelle mani di Dio: «E possibile anche al mercato o durante una passeggiata solitaria, fare una frequente e fervorosa preghiera. È possibile pure nel vostro negozio, sia mentre comperate sia mentre vendete, o anche mentre cucinate».