Commento al Vangelo del giorno: 30 Agosto 2017 – Siete figli di chi uccise i profeti

Il Vangelo di oggi: Mt 23,27-32

apparenzaIn quel tempo, Gesù parlò dicendo: «Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che assomigliate a sepolcri imbiancati: all’esterno appaiono belli, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni marciume. Così anche voi: all’esterno apparite giusti davanti alla gente, ma dentro siete pieni di ipocrisia e di iniquità.
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che costruite le tombe dei profeti e adornate i sepolcri dei giusti, e dite: “Se fossimo vissuti al tempo dei nostri padri, non saremmo stati loro complici nel versare il sangue dei profeti”. Così testimoniate, contro voi stessi, di essere figli di chi uccise i profeti. Ebbene, voi colmate la misura dei vostri padri».

Commento al Vangelo del giorno:

Una cosa non sopporta il Signore: l’ipocrisia. Ben peggio del peccato, ben peggio dell’indifferenza, è l’ipocrisia ad essere un ostacolo all’incontro col vero Dio. Ipocrisia: essere falsi, finti, mascherati. Anche se sono maschere devote, anche se ci rendono belli davanti agli altri. Siamo tutti rimasti profondamente scossi da quanto accaduto negli anni scorsi riguardo ai preti pedofili e, come si chiedeva papa Benedetto: come era possibile celebrare l’eucarestia, amministrare il perdono e, nel contempo, abusare di un bambino? Mistero dell’umana fragilità che dobbiamo sempre avere ben presente per vigilare su noi stessi. Tutta la nostra vita è un cammino verso l’autenticità, cammino che può anche diventare doloroso ma necessario. Chiediamo al Signore di farci scoprire e riconoscere i nostri limiti, di non limitarci all’esteriorità (anche santa); di non essere giudicanti verso gli altri ma accoglienti e comprensivi, perché siamo tutti peccatori e tutti bisognosi di conversione. Che non ci succeda di diventare dei fanatici zelanti come Saulo, dei sepolcri imbiancati belli fuori e putridi dentro. Il Signore preferisce un peccatore consapevole ad un presunto giusto tronfio e pieno di sé!

Paolo Curtaz