Commento al Vangelo del giorno – 30 agosto – Io so chi tu sei: il santo di Dio!

6640092d3d54c2d29c0f4de566cb6916

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù scese a Cafàrnao, città della Galilea, e in giorno di sabato insegnava alla gente. Erano stupiti del suo insegnamento perché la sua parola aveva autorità.
Nella sinagoga c’era un uomo che era posseduto da un demonio impuro; cominciò a gridare forte: «Basta! Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!».
Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E il demonio lo gettò a terra in mezzo alla gente e uscì da lui, senza fargli alcun male.
Tutti furono presi da timore e si dicevano l’un l’altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?». E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante.


Medita

La lotta tra Gesù ed il demonio non e affatto finita. Essa continua ancora oggi: Gesù ma­nifesta nella sua Chiesa la sua vittoria nei confronti del maligno, proprio mentre questo continua a mo­strare la sua tenebrosa capacità di seduzione. Noi non dobbiamo avere nessuna paura: c’è chi lotta e vince per noi. Quello che dobbiamo fare è solo avere una fiducia incrollabile in lui. D’altro canto però non dobbiamo dimenticare che una grande vir­tù. purtroppo tanto trascurata anche dai cristiani, è quella della prudenza. Il diavolo è come un cane le­gato ad una catena: egli può nuocerci soltanto se ci avviciniamo troppo a lui. Allora, con fiducia e senza timore, fidiamoci di Colui che può tutto. Egli non ci lascerà nelle mani del nemico, e ci porterà al sospi­rato porto della salvezza.