Conosceva bene la Parola di Dio

podcast-mp3

Dalle «Omelie su Luca» di Origene († c. 254)

Poiché l’angelo salutò Maria con una formula nuova che non sono riuscito a trovare in nessun altro passo delle Scritture, sento di dover dire qualcosaa riguardo. Non ricordo dove si possa leggere altrove nelle Scritture la frase pronunciata dall’angelo: «Ave, piena di grazia» (Lc 1,28).  Mai tali parole, «Ave, piena di grazia», furono rivolte ad essere umano; tale saluto doveva essere riservato soltanto a Maria.   Se infatti Maria avesse saputo che una formula di tal genere fosse stata indirizzata a qualcuno – ella possedeva infatti la conoscenza  della Legge, era santa, e conosceva bene, per le sue quotidiane meditazioni, gli oracoli dei profeti – non si sarebbe certo spaventata per quel saluto che le apparve così insolito. Sicché l’angelo le dice: «Non temere, Maria, perchè tu hai trovato grazia dinnanzi al Signore. Ecco, concepirai nel tuo seno e partorirai un figlio, e gli porrai nome Gesù. Egli sarà grande e sarà chiamato Figlio dell’Altissimo» (Lc 1,30-32).