Dio passa nella nostra vita

La fede cristiana non è una filosofia, un concetto o una semplice dottrina. Dobbiamo considerarla un incontro, un passaggio continuo di Dio nella vita di ogni giorno. Un passaggio che rende luminoso il bene, che riscatta il male, che sana le piaghe delle umane miserie. Consapevoli o no Dio passa ed elargisce i suoi doni.

don Luciano

dio passaGesù `passa’: nell’opaco e insieme trasparente delle cose che accadono. Passa: nel sovrapporsi delle ispirazioni, che illuminano il cuore. Passa: nella povertà e nella disperazione dell’uomo. Passa: nello spiraglio dell’egoismo umano chiuso in se stesso. Passa: nella delusione delle cose che promettono e non mantengono. Passa: nella sicurezza del benessere e nella soddisfazione fatua del così detto ‘arrivato’. Passa e ritorna: come la spola di un telaio. Come amante accanito che non si rassegna alla rinuncia del proprio amore. Egli passa quando meno te lo aspetti: così il Signore attraversa la tua vita. Passa e va; passa e resta, insieme! Lascia, comunque, visibile e sensibile traccia del suo passaggio: l’attrattiva di un invito persistente, il clamore di una Parola che non si può tacitare, il tormento di un desiderio rinascente, la gioia di un impegno esauriente le forze dell’uomo…
Gesù passa. Uno dei tanti viandanti che incrociano la nostra strada. Innumerevoli sono coloro che `sorpassano’ a destra e a sinistra, che scavalcano, ostacolano, tagliano la strada, osservano con perfetta indifferenza. Molti, troppi, non si accorgono di nulla. Passano e non vedono. Gesù passa e `vede’… Si accorge di noi. Di me. Vede: nel cuore. Attraverso i desideri e le aspirazioni profonde. Vede: non
tanto i tratti della nostra fisionomia e gli atteggiamenti del nostro comportamento. Vede: la dimensione interiore dell’uomo: pensieri, desideri, affetti, intenzioni, disponibilità, propositi. Purezza del cuore vede e fa vedere. Vede: l’intera verità cheè nell’uomo. Vede me!… Gesù ha bisogno di trovare in noi l’uomo. È all’uomo che egli rivolge la sua Parola divina.