Il mistero di Dio (di Don Luciano Vitton Mea)

chi dite che io sia

E per via interrogava i suoi discepoli dicendo: «Chi dice la gente che io sia?». Gesù parla di se, del suo mistero, delle “cose” che riguardano Dio non da una cattedra o da un pulpito ma lungo la via, mentre cammina, attraverso un dialogo che aiuta i discepoli, partendo dall’esperienza concreta, a giungere alla verità. Così, cammin facendo, mettendo in comune i pareri discordanti della gente, Pietro arriva a riconoscere in Gesù il Cristo, il Figlio del Dio Vivente. Gesù è la “pazzia di Dio”, Colui che verrà messo in croce, l’innocente condannato al patibolo. Scelta assurda, così come è assurdo il cristianesimo secondo una logica puramente umana. Ma le logiche cadono di fronte all’amore; l’innamoramento è di per sé folle, concede poco spazio alla razionalità. Dio è perennemente innamorato dell’uomo e lo cerca, lo raggiunge e si sacrifica per esso. L’uomo è un “amante”, Dio un innamorato. “Perciò, ecco, la attirerò a me, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore. Le renderò le sue vigne e trasformerò la valle di Acòr in porta di speranza. Là canterà come nei giorni della sua giovinezza, come quando uscì dal paese d’Egitto. E avverrà in quel giorno – oracolo del Signore mi chiamerai: Marito mio, e non mi chiamerai più: Mio padrone”. (Osea, 2,16-18). Dio è perennemente giovane, ridona all’uomo l’eterna giovinezza, dona alla sua creatura
un cuore capace di amare.: «Chi dice la gente che io sia?». Tu sei il Cristo, l’eterna giovinezza di Dio. Una giovinezza che per rimanere tale accetta “la follia della croce.

don Luciano Vitton Mea

Scarica QUI “Non di Solo Pane n°722”

o leggilo online: