Il Santo del giorno – 23 Giugno – San Giuseppe Cafasso

I Santi del Giorno: San Giuseppe Cafasso

A cosa serve la teologia se non a cambiare il cuore della gente e a ridare speranza a chi non ha motivi per averne? San Giuseppe Cafasso seppe fare dello studio delle cose di Dio uno strumento di grazia per far giungere la luce divina anche nei luoghi a lui apparentemente più lontani come le carceri. Definito il “prete della forca”, seppe convertire i cuori di numerosi carcerati e ridare pace ai condannati a morte: si era sporcato le mani stando in mezzo a loro anche se il suo “mestiere” era quello dell’insegnante di morale. Era nato a Castelnuovo d’Asti nel 1811 ed era diventato prete nel 1833. Accolto nel convitto di don Luigi Guala a Torino, per 24 anni fu docente e formatore dei futuri pastori. Ma si dedicò anche ai lavoratori, alle famiglie, agli emarginati e ai carcerati, in particolare ai condannati a morte. Morì nel 1860.