Il Santo del giorno: Sant’Arduino di Ceprano

Secondo una recente leggenda Sant’Arduino sarebbe nativo dell’Inghilterra, di stirpe pagana. Sant’Agostino di Canterbury, celebre evangelizzatore dell’isola, lo convertì al cristianesimo e gli conferì l’ordinazione sacerdotale. Per un certo tempo Arduino esercitò il suo ministero dedicandosi intensamente alla preghiera ed al digiuno, finchè insieme ad altri santi pellegrini, Gerardo, Bernardo e Folco, decise di intraprendere la visita dei luoghi santi in Palestina. Al ritorno da questo lungo viaggio si sarebbe fermato a Ceprano, in provincia di Frosinone, ove fu però colpito dalla peste allora dilagante e trovò così la morte il 28 luglio 627. Gli fu data sepoltura nella chiesa di Santa Maria Maggiore. E’ da evidenziare che talvolta l’esistenza terrena di questo santo è invece collocata nell’undicesimo secolo, al tempo della prima Crociata.
Il suo culto, a Ceprano, fu sempre sincero ed affettuoso, e sin dal 1531 venne approvato dal Papa Clemente VII. Verso la metà del XVII secolo il clero della cittadina laziale si avvaleva ancora nella recita dell’Ufficio di una leggenda di Sant’Arduino, suddivisa in più lezioni con inni ed “oremus” propri. Nel 1728, però, i Bollandisti non riuscirono più a risalirvi, in quanto ormai aveva preso piede un Ufficio comune. Alcuni brani della leggenda ci sono comunque pervenuti grazie al Vitagliano che li riportò nel suo “Ceparano ravvivato”.
Verso il ‘600 il vescovo di Veroli, Eugenio Fucci, compì una ricognizione delle reliquie ed un’altra fu effettuata il 31 luglio 1863 dal vescovo Fortunato Maurizi, in occasione del nuovo altare dedicato al santo. In realtà già il 18 luglio 1621 il comune di Ceprano, come risulta dai suoi atti consiliari, aveva effettuato uno scambio di reliquie con il comune di Santo Padre al quale ne aveva ceduta una di Arduino. Il capo inltre, precedentemente separato dal corpo e legato in argento, fu adornato con maggiore fasto nel 1766. Una reliquia del santo si trova anche presso Rocca d’Arce, in diocesi di Aquino, ove nel 1779 fu trasferita in una nuova chiesa dalla vecchia cappella in demolizione a lui dedicata.
I Bollandisti collocarono la festa di Sant’Arduino al 25 ottobre, giorni in cui era ricordato nella seconda edizione del Martirologio di Giovanni Wilson ed in quello di Riccardo Challoner. Quanto all’iconografia del santo, si ha notizia di una sua immagine dipinta nell’antica basilica vaticana. Nella chiesa ormai scomparsa di Ceprano campeggiava una statua lignea con il capo in argento ed una tavola dipinta raffigurava al centro il santo ed attorno ad esso undici miracoli da lui operati. La sua immagine era inoltre intagliata nel prospetto del campanile di Santa Maria in Ceprano insieme con le effigi di altri tre pellegrini. La biografia scritta dal Tavani riporta la stampa di una bella incisione in rame che rappresenta il santo in vesti da pellegrino e sullo sfondo il ponte sul Liri e Ceprano con le sue torri. Ad essa si ispira il moderno dipinto del Boccali, dai vivaci colori, che raffigura Sant’Arduino con i classici attributi del pellegrino e del sacerdote.