Il Vangelo del giorno – 02 Luglio – Ti sono perdonati i peccati

Il Vangelo di oggi: Mt 9,1-8

gesu guarisce paraliticoIn quel tempo, salito su una barca, Gesù passò all’altra riva e giunse nella sua città. Ed ecco, gli portavano un paralitico disteso su un letto. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: «Coraggio, figlio, ti sono perdonati i peccati». Allora alcuni scribi dissero fra sé: «Costui bestemmia». Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse: «Perché pensate cose malvagie nel vostro cuore? Che cosa infatti è più facile: dire “Ti sono perdonati i peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? Ma, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati: Àlzati – disse allora al paralitico –, prendi il tuo letto e va’ a casa tua». Ed egli si alzò e andò a casa sua. Le folle, vedendo questo, furono prese da timore e resero gloria a Dio che aveva dato untale potere agli uomini.

Commento al Vangelo di oggi: Ti sono perdonati i peccati

Il perdono di Dio è dato quando ci si pente per i peccati commessi contro Dio. I peccati commessi contro il prossimo sono perdonati solo se ci si riconcilia con le persone che si sono offese. «Perdona a noi le nostre offese, come noi perdoniamo» ci ha insegnato Gesù. Dio, quando giudica il popolo, lo considera nella sua interezza, e il profumo degli uni si comunica agli altri. Abbiamo bisogno degli altri, e soprattutto del «profumo di Cristo, del profumo della sua conoscenza»

Lo stupore della folla e lo scandalo degli scribi non nascono tanto dalla guarigione del paralitico, quanto dall’affermazione di Gesù: «Coraggio, figliolo, ti sono perdonati i tuoi peccati ».
Egli compie questo miracolo per annunciare che un nuovo potere ha fatto irruzione nel mondo: quello di rimettere in piedi l’uomo non solo nel corpo, ma anche nello spirito, perché abbia una vita totalmente nuova. Gesù non è un semplice guaritore dei mali dell’uomo e della società, non guarisce per far funzionare tutto meglio di prima: apre orizzonti di vita nuova, riconciliando l’uomo con Dio. Ed è stupefacente il fatto che questo potere sia stato trasferito alla chiesa. Riflettendo sul comportamento di questo paralitico che si alza e va a casa, possiamo immaginare la guarigione interiore che avviene in una persona quando esce dal confessionale. Se il peccatore è un uomo fallito nel suo fine di vivere in comunione con Dio, questo brano del vangelo ci fa toccare con mano che, con l’avvento di Gesù nella storia, si realizza la profezia di Ezechiele: «Vi aspergerò con acqua pura e sarete purificati; io vi purificherò da tutte le vostre impurità e da tutti i vostri idoli; vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo, toglierò da voi il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne. Porrò il mio spirito dentro di voi e vi farò vivere secondo le mie leggi» (Ez 36,2527).
perdono di dioNon è solo per essere stato guarito alle gambe che il paralitico si alza e se ne va: è per il fatto che ora ha un cammino nuovo da intraprendere e un progetto da realizzare. I veri paralitici del brano di oggi sono quegli scribi che pensano: «Costui bestemmia ». Essi tornano a casa come sono venuti, ancora schiavi del loro peccato, delle loro presunzioni e del loro piccolo mondo. La vera bestemmia, lo scandalo del vangelo, è che Dio si è fatto solidale con noi nel nostro peccato perché noi fossimo solidali con lui nella risurrezione. Per quanto lo si mediti, non penetreremo mai abbastanza questo mistero dell’amore di Dio; e per quanto ce ne possiamo rendere conto, non coglieremo mai nella pienezza il miracolo che avviene tutte le volte che entriamo in un confessionale per riconciliarci con Dio.