La Vergine del soccorso

36618_all_012_04

Nel frattempo, venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno più vino». 

“Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena”. Il mio pensiero corre alla figura di Maria, visto che con facilità è a lei che mi rivolgo, soprattutto quando ho “urgenze” che altri mi affidano. Maria diventa, così, la mia confidente, il mio ponte sicuro per raggiungere il cuore di Gesù. Chi può farlo, se non lei che è sua e nostra madre? E mi piace pensarla silenziosamente insistente nella preghiera.

“Non hanno più vino …” Quante volte nella nostra vita non abbiamo più vino ma solo delle giare vecchie e screpolate piene di acqua non potabile che serve solo per lavarsi in qualche modo dal fango. Un’occhiata con Gesù, poche parole, e Maria non solo si prende carico delle sbadataggini degli sposi, ma mette fretta a Gesù, il quale, tentennando esaudisce la richiesta.

Com’è grande Maria! A rischio di venire bollata come sognatrice errante, sa cogliere con delicatezza il disagio di coloro che “non hanno più vino” e corre “in fretta” da Gesù, come quando dopo l’annuncio dell’angelo era corsa in aiuto dalla cugina Elisabetta. Emilia Palladino, laureata in fisica e scrittrice sensibile, in uno scritto ha messo in rilievo come “una tale dinamica d’amore, esaltata e sostenuta dallo Spirito Santo, è profondamente illuminante per la Chiesa di oggi, alla quale la Madonna indica una via di accoglienza e di misericordia che passa attraverso la consapevolezza, propria di una mamma, che non esistono figli perfetti, ma solo figli donati. Le incapacità, le superficialità, gli errori, le incurie e anche i peccati sono realmente un’ipoteca sulla realizzazione della felicità dei figli, ma non tolgono nulla all’immane valore che essi hanno per la madre. Gli uomini e le donne di oggi sono tutti figli donati alla Chiesa, che in lei cercano l’amore senza condizioni di una madre, e non solamente un indirizzo di retto comportamento”.

Si, Maria è Colei che viene in soccorso di coloro che “non hanno più vino”, che rischiano di fare brutta figura davanti agli invitati vestiti con i colori sgargianti della vanità.  E’ la soccorritrice tutti coloro che hanno smarrito la via, il senso e i valori della vita; che si trovano in una selva scura e tetra che genera paura e angoscia. La vergine Santa vede e viene in soccorso di tutti coloro “che non hanno più vino” e insegna alla Chiesa ad essere madre e non matrigna.