L’angolo della spiritualità – la forza dell’amore

castelluccio-di-norcia-10-7c09a5dc-48eb-4baf-9857-ea893c2c9378

All’origine di ogni uomo sta l’amore. L’amore genera alla vita e alla coscienza di sé, è chiamata alla crescita nella libertà. La capaci­tà d’amare è legata all’esperienza dell’amore. Chi non è stato amato o non è oggetto d’amore conosce la solitudine, il risentimento, la ribellione, l’aggressività, l’odio. Chi non si apre all’amore si chiude alla vita. L’avventura umana e il suo destino si giocano sul filo del­l’apertura o del rifiuto dell’amore. Sul significato e sul contenuto di questo termine esiste una ine­sauribile letteratura, a testimonianza del suo fascino e della sua for­za vitale.

Nei rapporti interpersonali l’amore è la realtà più esaltante, ma anche la più soggetta ad ambiguità e fraintendimenti. Nell’espres­sione così intensa e così semplice: «Ti amo», può racchiudersi la to­talità del dono o la brama della possessività, la gioia della comunio­ne liberante o l’ebbrezza del piacere effimero, la meraviglia o l’abi­tudine, la storia di una fedeltà o la maschera di un inganno.

L’amore maturo è frutto di pazienza e di sofferenza, di gesti con­creti più che di retorica (cf 1 Gv 3,18). La sua verità ultima, la sua ve­rifica suprema, sta nel dono totale di sé all’altro.