Meditazione del giorno: “Se invece muore, produce molto frutto”

Meditazione del giorno
Sant’Ambrogio (ca 340-397), vescovo di Milano e dottore della Chiesa
Trattato degli Uffici dei ministri I,84; II,28; PL 16,84

 

“Se invece muore, produce molto frutto”

      Quando San Lorenzo vide condurre al martirio il vescovo Sisto si mise a piangere. Non era il dolore del suo vescovo che gli strappava le lacrime, ma il fatto che andava al martirio senza di lui. Perciò si mise a parlargli così: “Dove vai, Padre, senza tuo figlio? Verso cosa ti affretti tu , santo sacerdote, senza il tuo diacono? Eppure, avevi l’abitudine di non offrire mai il sacrificio senza ministro!… Da’ dunque prova che hai scelto un buon diacono: colui a cui hai conferito il ministero del sangue del Signore, colui con cui condividi i sacramenti, vuoi rifiutare di  comunicare con lui nel sacrificio del sangue?…”

Papa Sisto risponde a Lorenzo: “Non ti dimentico, figlio mio, né ti abbandono. Ma ti lascio lotte più dure da sostenere. Sono vecchio e non posso sostenere che una lotta leggera. Quanto a te, sei giovane e ti resta un trionfo ben più glorioso da ottenere contro il tiranno. Verrai presto. Asciuga le lacrime. Fra tre giorni mi seguirai…”

Tre giorni dopo, Lorenzo è arrestato. Gli viene chiesto di portare i beni e i tesori della Chiesa. Promette di obbedire. L’indomani torna coi poveri. Gli chiedono dove sono i tesori che doveva portare. E lui mostra i poveri dicendo: “Ecco i tesori della Chiesa. Quali tesori più grandi ha Cristo se non quelli di cui ha detto: ‘Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me'” (Mt 25,40)? Lorenzo ha mostrato  quei tesori ed ha vinto poiché il persecutore non ha avuto alcuna voglia di toglierglieli. Ma nella sua rabbia, lo ha fatto bruciare vivo.