Commento al Vangelo del giorno: 06 Febbraio 2020 – Bastone e sandali

Il Vangelo di oggi: Mc 6,7-13:

“Chiamò a se i dodici”.

Camminatori-predicatoriIn quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

Contemplo:

Bisognosi di senso:
Dentro di noi hai messo il tuo soffio creatore: IL tuo alito di vita percorre le nostre membra. Per questo ci troviamo a vivere un’avventura più grande di noi. Perché noi non siamo solo degli organismi che hanno bisogno di mangiare e di bere, di dormire. Noi abbiamo bisogni più grandi: bisogno di amore, di tenerezza, di compagnia, di amicizia, di sostegno, di conforto. Bisogno di senso, bisogno di darci una ragione per tutto quello che ci accade. Il tuo soffio creatore ha messo dentro di noi desideri smisurati che tu solo puoi colmare. E quando tradiamo la natura profonda della nostra vita, quando ci troviamo a essere avvizziti e secchi come piante inutili, solo il tuo soffio creatore riporta vitalità alla nostra esistenza.

Commento al Vangelo del giorno:

Non è facile seguire Gesù, percorrere la sua stessa strada, interpretare la vita così, come l’ha concepita Lui. Il cristiano non deve e non può appoggiarsi sui potenti mezzi usati dagli uomini; deve accontentarsi di un bastone e di un paio di sandali. Simboli semplici per esprimere tutto il contenuto di un’esistenza. Il bastone indica la fede, l’unica ancora per gli amici di Gesù, sostegno indispensabile nei momenti difficili, quando crollano tutte le certezze fabbricate con “mani d’uomo”; strumento necessario per ripulire l’angusto sentiero della nostra vita pieno di rovi che ben rappresentano il nostro e l’altrui peccato. I sandali che ci ricordano la strada, i polverosi sentieri, i crocicchi lontani; luoghi d’incontro, vene dove scorrono e si consumano le gioie e le sofferenze umane. Beato bastone, semplici sandali. Quanti ricordi mi legano a voi: valli percorse, scoscesi pendii risaliti, fresche acque bevute ai bordi di una semplice fonte; volti incontrati, drammi
vissuti che costruiscono nel cuore i lineamenti di un uomo nuovo. Stupenda avventura vissuta con un bastone e un paio di sandali; ecco all’orizzonte un piccolo bivio, i ruderi di una vecchia santella: un povero mi attende. È il tuo dolce volto Signore della vita, Dio della strada.