Vangelo di oggi

Commento al Vangelo del giorno: 16 Agosto 2021 – Solo così si entra nella vita

Il Vangelo di oggi: Mt 19,16-22

In quel tempo, un tale si avvicinò e gli disse: «Maestro, che cosa devo fare di buono per avere la vita eterna?». Gli rispose: «Perché mi interroghi su ciò che è buono? Buono è uno solo. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti». Gli chiese: «Quali?». Gesù rispose: «Non ucciderai, non commetterai adulterio, non ruberai, non testimonierai il falso, onora il padre e la madre e amerai il prossimo tuo come te stesso». Il giovane gli disse: «Tutte queste cose le ho osservate; che altro mi manca?». Gli disse Gesù: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e vieni! Seguimi!». Udita questa parola, il giovane se ne andò, triste; possedeva infatti molte ricchezze.

Contemplo:

La gioia del perdono
Non vogliamo guardare onestamente il nostro peccato. C’è sempre qualcuno che ci dice che non
c’è nulla da temere.
Il nostro impegno come cristiani
invece è dire che c’è qualcosa di
cui preoccuparsi e invitare al pentimento. Pentirsi non è triste, è il
peccato che è triste. Dio comunque non vuole la morte del peccatore: esige riparazione, ma entra in
dialogo con lui affinchè si ravveda.
Il suo sguardo pieno d’amore lo
conduce al dolore del peccato, alla
profonda tristezza di averlo ferito
nel fratello. Il giudizio finale, che
riguarderà ogni uomo, che abbia
conosciuto o meno il Vangelo di
Cristo, sarà un giudizio sull’amore
e quindi sulle opere: ho avuto fame e mi avete dato da mangiare….!
Ripensare quindi la nostra coscienza umana, prima ancora che cristiana, ci introduce nella prospettiva del futuro, della definitività.

Commento al Vangelo del giorno:

“…..Gli disse Gesù: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e vieni! Seguimi!»….” Questa famosa pagina evangelica che ha parlato al cuore di tanti uomini e donne, facendo fiorire innumerevoli storie di santità, annuncia anche oggi in cosa consista la sequela cristiana e indica in che modo l’uomo possa camminare felice nella vita. La fede, l’affidamento, l’abbandono fiducioso, la consegna libera di sé al Signore, l’adesione amorosa a lui, è l’unica risposta richiesta. Solo così si entra nella vita. “Vieni e seguimi!” E’ il legame con il Figlio che va cercato, accolto, coltivato, custodito. Sopra ogni cosa, a prezzo di qualunque affetto. E senza sprecare energie nell’osservare – con puntiglio o con paura – comandamenti e comportamenti che, se sganciati da questa relazione vitale, rischiano solo di alimentare la propria presunta perfezione.

   

il Podcast di don Luciano