Commento al Vangelo del giorno: 16 Luglio 2021 – La libertà dell’amore

ll Vangelo di oggi: Mt 12,1-8

l'amore di dioIn quel tempo, Gesù passò, in giorno di sabato, fra campi di grano e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere delle spighe e a mangiarle. Vedendo ciò, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare di sabato». Ma egli rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? Egli entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell’offerta, che né a lui né ai suoi compagni era lecito mangiare, ma ai soli sacerdoti. O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio vìolano il sabato e tuttavia sono senza colpa? Ora io vi dico che qui vi è uno più grande del tempio. Se aveste compreso che cosa significhi: “Misericordia io voglio e non sacrifici”, non avreste condannato persone senza colpa. Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato».

Contemplo:

Tempo
Il tempo del cristiano è tempo di lotta, di prova, di sofferenza. Anche dopo la vittoria di Cristo, dopo la risurrezione e la trasmissione delle energie del risorto al cristiano, resta ancora
operante l’influsso del “Dio di questo mondo”. Il tempo del cristiano quindi è e rimane tempo di esilio, di esodo, di pellegrinaggio, in attesa delle realtà ultime in cui Dio sarà tutto in tutti. Il cristiano infatti sa – e non si stancherà mai di ripeterlo, in un’epoca che non ha più il coraggio di parlare di perseveranza né tantomeno di eternità– che il tempo è aperto all’eternità, alla vita eterna, ad un tempo riempito da Dio solo: questa è la mèta di tutti i tempi, in attesa del Dio che viene.

Commento al Vangelo del giorno:

“Misericordia io voglio e non sacrifici”, non avreste condannato persone senza colpa. Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato.” E’ il giorno del riposo per la lode: sabato, giorno di festa. Gesù passa fra i campi di grano con i suoi amici. Mi pare di vederlo: sole che illumina, un vento leggero a scompigliare i capelli; un gruppo di amici, che parla, ride, vive la libertà dei figli di Dio. Ecco il punto: Gesù è la meravigliosa rilettura dell’antica alleanza, fatta secondo le categorie di Dio, prima fra tutte la libertà dell’amore. Ci leghiamo mani e piedi con mille regole che ci fanno stare tranquilli nei nostri recinti privi di fantasia. La libertà fa paura sempre perché contiene la possibilità d’errore, il rischio dell’imperfezione. Ma quanto è meravigliosa? Quanto apre i polmoni? Dio Padre ci ha voluto simili a lui in particolar modo nella capacità d’amare e nella libertà di farlo.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker