Commento al Vangelo del giorno: 18 Gennaio 2020 – Una nuova opportunità

Il Vangelo di oggi: Mc 2,13-17:

“Non sono venuto per i giusti ma per i peccatori”.

nuova opportunitaIn quel tempo, Gesù uscì di nuovo lungo il mare; tutta la folla veniva a lui ed egli insegnava loro. Passando, vide Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì. Mentre stava a tavola in casa di lui, anche molti pubblicani e peccatori erano a tavola con Gesù e i suoi discepoli; erano molti infatti quelli che lo seguivano. Allora gli scribi dei farisei, vedendolo mangiare con i peccatori e i pubblicani, dicevano ai suoi discepoli: «Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?». Udito questo, Gesù disse loro: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori».

Medita:

Il testo evangelico della chiamata di Levi, mostra come Dio facendosi uomo in Gesù, condivida pienamente la condizione umana, si renda vicino ad ognuno.
Gesù bussa alla porta di tutti, chiamando anche chi vive nel peccato; siede a tavola con il pubblicano e con il giusto, il peccatore e il fedele, è insieme ad ogni uomo e dona a tutti la possibilità di riscattare la propria vita.
Come il medico cura i malati, così la presenza di Gesù è nuova opportunità per cambiare la propria vita, dare una svolta verso il bene, verso Dio, verso l’amore.
La chiamata di Gesù diventa così chiamata per la nostra salvezza e possibilità di sperimentare un nuovo modo di vivere: il donarsi all’altro gratuitamente, accogliendo Gesù nella propria casa e accettando la comunione profonda con lui.