Commento al Vangelo del giorno: 18 Giugno 2021 – Desiderare Dio come unica ricchezza

ll Vangelo di oggi: Mt 6,19-23

tesori in terraIn quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore. La lampada del corpo è l’occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!».

Contemplo:

Ogni giorno
In questa lotta con l’invisibile il credente vive la sua più alta prossimità all’inquieto cercatore di Dio: si potrebbe perfino definire che il credente è un ateo che ogni giorno si sforza di cominciare a credere. In realtà chi crede ha bisogno di rinnovare ogni giorno il suo incontro con Dio, nutrendosi alle sorgenti della preghiera, nell’ascolto della Parola rivelata. Analogamente, si può pensare che il non credente pensoso nient’altro sia che un credente che ogni giorno vive la lotta inversa, la lotta di cominciare a non credere: non l’ateo superficiale, ma chi, avendo cercato e non avendo trovato, patisce il dolore dell’assenza di Dio e si pone come l’altra parte del cuore di chi crede

Commento al Vangelo del giorno:

“Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano…..”Il Maestro ci invita a desiderare Dio come unica ricchezza della nostra vita. L’obiettivo proposto ai discepoli è di cercare soprattutto il regno dei cieli, ovvero lo sforzo di porre Dio nella propria vita come unico bene, “unico sovrano”. Per questo è importante avere un occhio semplice, capace di discernimento, per poter valutare nella giusta prospettiva ciò che è superfluo e ciò che rimane e dura per sempre. Poniamo nelle mani di Gesù tutto ciò che appartiene al nostro cuore. Chiediamo a lui, che è il nostro tesoro, di insegnarci ad accogliere il suo amore al di sopra di tutto. Preghiamo perché in ogni situazione della vita, sappiamo essere totalmente fiduciosi nella provvidenza del Padre.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker