Commento al Vangelo del giorno: 8 marzo 2021 – Privi di stupore

i farisei e Gesù sul montell Vangelo di oggi: Lc 4,24-30

In quel tempo, Gesù cominciò a dire nella sinagoga a Nàzaret: «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidóne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Elisèo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro». All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.

Contemplo:

Sempre un ritorno
“Conversione” vuol dire “ritorno”; ritorno dalla colpa alla grazia, dal peccato a Dio. Ritornare a Dio vuol dire uscire definitivamente, decisamente, coraggiosamente dalla “regione lontana”, lasciare la terra della tentazione e della schiavitù. Ritornare a Dio che è Padre, che aspetta sempre vigile a braccia aperte il figlio perduto per rifargli l’abbraccio del perdono, per accoglierlo nella sua casa, per nutrirlo e onorarlo, per vestirlo con il vestito nuovo della grazia. La vita di ogni cristiano è sempre un ritorno, perché egli si trova sempre nell’occasione del peccato. La sua vita è u n camminare faticoso ma fidente verso la casa del Padre, la sua casa, dove finalmente il suo affannarsi diventerà riposo.

Commento al Vangelo del giorno:

Aiutaci, scopri come

Borgo di Nazaret, malato di campanilismo, come se il mondo iniziasse e finisse in quel fazzoletto di terra che aveva visto crescere un giovane messia. In realtà, più che Dio, la gente vuole miracoli. Vuole il cielo a portata di mano per garantirsi salute e benessere. Gesù ha affrontato la tentazione dei miracoli: “Buttati, un volo di angeli ti salverà”. Ma egli sa che con il pane e i miracoli non si liberano le persone. Piuttosto ci si appropria di loro. Dio, invece, non si impadronisce di nessuno. Non invade, Dio si propone. E così non farà miracoli a Nazaret. La storia racconterà che il mondo è pieno di miracoli che non bastano mai. Essi non portano alla fede. Gesù risusciterà perfino Lazzaro, ma proprio in quell’occasione i farisei prenderanno la decisione di ucciderlo. A Nazaret come altrove, l’abitudine ha spento lo stupore. Basterebbero gli occhiali della fede, osservare come se fosse la prima volta ciò che si crede di conoscere bene, il quotidiano ritorno alla luce, le parole della preghiera che si ripetono distratti, i riti dell’amicizia e dell’amore. I miracoli accadono davvero. Il mondo è testimone di genitori risorti dopo il dramma atroce di un figlio morto, di famiglie capaci di perdono dopo una violenza subita, di donne violate e tradite che riprendono a sorridere e ad amare, di persone capaci di dare tutto per un familiare o per uno sconosciuto. I miracoli sono perfino troppi, per chi ha l’occhio puro. Lo stupore è l’inizio della sapienza. Nazaret passa in fretta dalla fierezza per quel figlio straordinario che torna, ad un a sorta di furia omicida. Un atteggiamento che rivela nei compaesani di Gesù l’errore più drammatico che poteva loro capitare: si sono sbagliati su Dio. Anche oggi, come ai tempi di Nazaret, si rischia di sperperare i propri profeti, di dissipare il miracolo di profezia che lo Spirito Santo accende dentro e fuori dalla Chiesa.

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: