Commento al Vangelo del giorno: Domenica 16 Agosto 2020 – Briciole di fede

Ascolta la Parola

Mt 15,21-28
Donna, grande è la tua fede!

Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola.
Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele».
Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».
Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita.

 

Medita

È proprio per le pecore perdute della ca­sa di Israele, iniziando dai suoi discepoli, che Gesù esaudisce la cananea dopo la sua iniziale resistenza. Contrariamente a quanto potrebbe sembrare, infatti, non viene meno all’intento di curarsi del suo popolo annunciando quel Van­gelo che sarà chiamato a raggiungere gli estre­mi confini della terra… Gesù rivela un volto di un Dio che si cura di tutti, che offre liberazione a chiunque abbia fe­de, contro ogni tentazione settaria ed esclusi­vista. Troppi, a quei tempi come nei nostri, ten­dono a stravolgere il senso della propria chia­mata alla salvezza in un sentirsi sopra gli al­tri, apparentemente increduli, o con una fede in cammino. Il rischio di una fede vissuta con una mentalità elitaria e discriminante, infatti, è sempre vivo.

 

Contemplo

No, non può più essere come prima. Nessuno può andare avanti come se nulla fosse successo. Come se tu non fossi passato. Davanti a te, davanti alla tua Parola, davanti al­le tue azioni, uomini e donne sono costretti a pren­dere posizione. Ad accettare o a rifiutare, ad aderire o a respingere. Oh, certo, possono anche far finta di non vedere e di non udire, ma anche questa è una scelta, ed è la più terribile. Perché non c’è nulla di peggiore di un cuore indurito che non vuole più rea­gire, di occhi accecati che non vogliono vedere, di orecchie chiuse impenetrabili a qualsiasi parola. Tu, o Dio, cambi il corso della storia perché vuoi creare terra nuova.