Commento al Vangelo del giorno: domenica 2 Ottobre – Non preoccupatevi troppo

Il Vangelo di oggi: Lc 17,5-10

granello di senapeIn quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!».
Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso : “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe. Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”?
Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”?
Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».

Contemplo: Combattere per la giustizia

Chi ha fame e sete denuncia una carenza e chiede di essere integrato, placato, sostenuto nel fisico. Fame e sete sono due immagini che Gesù utilizza per mettere in luce un altro aspetto profondo della povertà evangelica che apre il regno dei cieli: una povertà vissuta nella sua pienezza, cioè aver toccato il fondo; in altre parole: più poveri di così non si può essere.
Gesù parla di “giustizia” e di ”saziati”, perché si evidenzi che ognuno è fatto per l’altro, perché si provochino i gesti della reciproca comunione.
Solo in questo senso è lecito combattere per la giustizia, non per sopprimere le distinzioni fondate sull’essere ma per realizzare l’incontro e lo scambio dei doni.

Commento al Vangelo del giorno:

“…..In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!»….”
La richiesta “Aumenta la nostra fede” rivolta dai discepoli a Gesù – tanto simile alle nostre richieste del tipo: “fa’ che diventi più buono”…”fa’ che non commetta più quell’errore”- può sembrare una richiesta virtuosa, ma spesso invece è figlia della paura.
Si ha paura di non andare bene, di deludere, di non essere all’ altezza, di essere derisi o rimproverati, di trovarsi soli ed emarginati.
I discepoli hanno paura soprattutto che sia Gesù ad essere deluso di loro.
Il Maestro risponde dicendo di fare la loro parte fino in fondo senza timore di non fare abbastanza: il Signore completerà e provvederà.
I discepoli devono imparare a non trasformare la vita in un esame da superare.
Essere “servi inutili” non vuol dire: “voi non contate nulla”; significa invece “non preoccupatevi troppo”…

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker