Commento al Vangelo del giorno: Lunedì 30 Maggio – Quale battesimo avete ricevuto?

Il Vangelo di oggi: Gv 16,29-33

Luce del mondo

In quel tempo, dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio». Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me. Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».

Contemplo:

Aprirsi al suo amore:
Semplicemente: apriti al suo amore! Eclissati davanti a lui. In una parola, questo significa esistere per Dio solo. La preghiera è un incontro di amore, perciò esige distacco: essere solo per lui. Questa chiusura ermetica non è fuga, bensì un momento intenso per essere presente al Padre con lo scopo di essere meglio presente all’umanità, come gli sposi si rendono presenti l’una all’altro per essere insieme meglio presenti ai loro figli. Il Padre è talmente lì nel segreto, che è indispensabile far tacere ogni rumore, diventare solo ascolto, solo silenzio, se vuoi essere in grado di cogliere i segni più umili che rivelano la sua presenza. Allora percepirai il silenzio di Dio. Egli è parola di luce al cuore dell’uomo silenzioso.

Commento al Vangelo del giorno:

“…Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!..”

Quale battesimo avete ricevuto? Ci dovremmo fare questa domanda per ricordarci ogni giorno che con il battesimo abbiamo ricevuto il dono dello Spirito Santo e siamo diventati familiari di Dio, figli nel Figlio. Non sono le nostre capacità umane e intellettuali che ci consentono di capirlo: solo lo Spirito che è in noi può farci gridare “Abba, Padre”, solo lo Spirito ci può rivelare che siamo figli. Allora con questa certezza che è dono dello Spirito sperimenteremo che nella tribolazione, nella prova, egli non ci abbandona, è con noi anche quando sembra essere assente. La preghiera che Gesù ci ha insegnato inizia proprio così, con Padre, o meglio papà, perché non abbiamo mai a dimenticare che Dio è nostro padre.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker