Commento al Vangelo del giorno: mercoledì 19 Ottobre – Strana matematica quella del Signore!

Il Vangelo di oggi: Lc 12,39-48

 

NessunopuoservireduepadroniIn quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».
Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?». Il Signore rispose: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito?
Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi.
Ma se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire”, e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli.
Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche. A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

Contemplo: La conoscenza del peccato e la buona volontà

Dio fa suo il grido del povero:
Solo per mezzo della tua rivelazione possiamo riconoscerci.
Solo da quel che hai fatto Tu per cancellare la colpa possiamo capire che cosa essa significa davanti a Te.
Il tuo eterno Figlio si è fatto uomo e ha vissuto quaggiù.
Ci si schiudono gli occhi quando vediamo il destino al quale Egli andò per noi, o Signore, e per Te.
Dio santo, insegnami a riconoscere il tuo amore, affinchè io veda chiara la grandezza del mio peccato.
Fa’ che questa conoscenza diventi convinzione.
Fammi prendere la santa risoluzione con la quale Tu vuoi salvare il mondo e guidare all’alto la nuova creatura; e aiuta la mia volontà a unificarsi con la tua.

Commento al Vangelo del giorno:

“….A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più….”
Gesù fa una netta distinzione: a chi fu dato sarà richiesto quanto dato, a chi fu affidato molto sarà richiesto di più.
Come dire che quanto viene donato non deve essere sprecato, ma quanto viene affidato, restando proprietà del padrone, non solo non va sperperato, ma va anche fatto fruttificare.
Nella vita a tutti viene dato e a tutti qualcosa viene affidato, non per se stessi ma per il bene di tutti.
Offrendo quanto ricevuto, ecco che il bene si moltiplica ed al padrone verrà consegnato molto più di quanto ci è stato affidato.
Strana matematica quella del Signore!
Dividendo con molti, il bene si moltiplica, come i cinque pani che con-divisi , oltre a sfamare tutti, consegnano un avanzo sovrabbondante.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker