Commento al Vangelo del giorno: sabato 22 Ottobre

Il Vangelo di oggi: Lc 13,1-9

In quel tempo, si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici.
Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subìto tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».
Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: “Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Tàglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?”.
Ma quello gli rispose: “Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai”».

Medita

Vivere secondo lo Spirito, la scuola divina che ci racconta ogni giorno la pazienza di Dio con noi, per insegnarci la pazienza di noi con noi stessi.
Sempre protesi alla ricerca di colui che ha voluto farsi umile a noi per liberarci dalla legge del peccato e della morte; stiamo dietro a lui per essere certi di dirigerci nell’orientamento giusto.
Una vita nuova che non conosce più il Dio che punisce e condanna, ma ha incontrato il Dio che ci aspetta per farci grazia, che vuole ridarci la vita, tutta intera, come l’ha riconsegnata al Primogenito, l’Amato.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker