Vangelo di oggi

Commento al Vangelo del giorno: Venerdì 03 dicembre 2021 – Credete voi?

Il Vangelo di oggi: Mt 9,27-31

credere in gesùIn quel tempo, mentre Gesù si allontanava, due ciechi lo seguirono gridando: «Figlio di Davide, abbi pietà di noi!». Entrato in casa, i ciechi gli si avvicinarono e Gesù disse loro: «Credete che io possa fare questo?». Gli risposero: «Sì, o Signore!». Allora toccò loro gli occhi e disse: «Avvenga per voi secondo la vostra fede». E si aprirono loro gli occhi. Quindi Gesù li ammonì dicendo: «Badate che nessuno lo sappia!». Ma essi, appena usciti, ne diffusero la notizia kin tutta quella regione.

Contemplo:

Radici ben solide
Oggi il vento porta a negare l’esistenza di valori assoluti, di nobili ideali da seguire, l’utilità di im pegnarsi e di spendere la vita per qualcosa di superiore a se stessi. Come foglie morte portate dal vento accettiamo tutto quanto avviene accanto a noi; c’è il pericolo di perdere la propria personalità, anzi, di non desiderarla nemmeno, oppure pensare che consista nella durezza di cuore, nella caparbietà con cui si resiste ad ogni richiamo e ad ogni sollecitazione. Avvento è rendersi conto di essere delle foglie portate dal vento e incominciare a voler essere una pianta con delle radici ben solide: quella pianta che Dio viene a curare e a potare perché cresca meglio, le cui radici affondano nel terreno di Dio.

Commento al Vangelo del giorno:

“….Allora toccò loro gli occhi e disse: «Avvenga per voi secondo la vostra fede». E si aprirono loro gli occhi….”
Rischiamo spesso, di abituarci alla parola di Dio, così da non stupirci più di alcuni avvenimenti, ma di darli per scontato, come nei casi del Vangelo odierno. Due ciechi seguono Gesù. Non è forse strano? Come possono seguire coloro che non vedono? Forse la voce, il rumore dei passi, un profumo inconfondibile segnano la via. Li muove la speranza, compagna della fede, che affina gli altri sensi e li conduce all’incontro con colui che si lascia finalmente accostare: Credete voi? Impariamo a seguire il maestro con ciò che già ci è stato donato: intensifichiamo l’ascolto, fiutiamo il profumo della sua presenza, gustiamolo nell’eucaristia, tocchiamolo nel servizio ai nostri fratelli…. Se i nostri occhi non si aprono alla luce del suo volto, forse si può trattare più di fede vacillante, che di grazia negata!

   

il Podcast di don Luciano