Vangelo di oggi

Commento al Vangelo del giorno: venerdì 14 Ottobre – La verità vi farà liberi

Il Vangelo di oggi: Lc 12,1-7

folla di personeIn quel tempo, si erano radunate migliaia di persone, al punto che si calpestavano a vicenda, e Gesù cominciò a dire anzitutto ai suoi discepoli: «Guardatevi bene dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia.
Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto.
Quindi ciò che avrete detto nelle tenebre sarà udito in piena luce, e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze
più interne sarà annunciato dalle terrazze.
Dico a voi, amici miei: non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo e dopo questo non possono fare più nulla. Vi mostrerò invece di chi dovete aver paura: temete colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geènna.
Sì, ve lo dico, temete costui. Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio.
Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati.
Non abbiate paura: valete più di molti passeri!».

Contemplo: La fede al servizio della società

La fede cristiana si pone al servizio della società perché non si aggiunge alla vita, come Cristo non si è aggiunto all’umanità, ma, diventando uno di noi, l’ha salvata e ne ha svelato dall’interno dignità e missione.
La fede non produce grandi ideali che poi, come possiamo, cercheremo di mettere in pratica; come se il cristiano fosse persona che vive a metà tra cielo e terra, tra grandi ideali irrealizzabili e dura realtà quotidiana.
Il cristiano, mai da isolato, ma sempre come Chiesa, cerca costantemente il prossimo passo utile per far crescere la città che lui stesso abita; non vive a mezz’aria ma profondamente immerso nella realtà, perché solo mescolato nella pasta il lievito può agire, pur sporgendo costantemente da essa con il suo vissuto.

Commento al Vangelo del giorno:

“…..Guardatevi bene dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia…”
Il lievito del vangelo di oggi indica qualcosa di negativo: è l’ipocrisia dei farisei.
L’ipocrita era colui che recitava, nell’antico teatro, con una maschera: alla fine non si sapeva chi fosse veramente.
Gesù ci mette in guardia dall’essere falsi con gli altri e con noi stessi; è un rischio che può riguardare ogni nostra relazione.
Gli altri non ci conoscono ma rischiamo di non sapere nemmeno noi chi siamo, tutti occupati e preoccupati di recitare il ruolo più adatto ad ogni situazione.
Tutto questo ci rende schiavi affannati per piacere e compiacere le attese di chi incontriamo. “La verità vi farà liberi” anche la verità di noi stessi con i nostri pregi e i nostri limiti.
Tutto è già chiaro in Dio, guardiamoci con i suoi occhi e con serenità: valiamo più di molti passeri!

   

il Podcast di don Luciano