Vangelo di oggi

Il Vangelo del giorno – domenica 17 settembre

Mt 18,21-35

In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò per- donargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette. Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito.
Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito. Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”.
Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito. Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. […]

Contemplo:

Vicino a noi, gli altri. Ci rubano lo spazio, ci pestano i piedi e ci spingono, gli altri. Ne san- no più di noi — anzi, credono — vogliono sapere tutto, non gl’interessa niente. Gli altri. E chi sono, poi? Che ce ne importa? Che strane manie hanno, che abitudini poco civili. Da dove arrivano, chi credono di essere?
Non si può, perbacco, arrivare così, arruffare la nostra quieta vita ben pettinata, costringerci a pensare che esistono strade diverse, altri sapori. Insomma, non potevano rimanersene dov’erano? Ecco, cristiano è colui che accoglie così come è stato accolto: senza chiedere come, né perché. Un sorriso, un saluto, un gesto attento: poca cosa, magari, ma abbastanza per far più grande il mondo.

Commento al Vangelo di oggi:

Il Vangelo di oggi ci parla della necessità del perdono. Non è facile perdonare, perché certi magoni continuano a bruciare il cuore.
Ci sono persone che dicono: “Perdono, ma non dimentico!” Rancore, tensioni, opinioni diverse, affronti, offese, provocazioni, tutto questo rende difficile il perdono e la riconciliazione. Cerchiamo di meditare le parole di Gesù che parlano di riconciliazione e che ci parlano della parabola del perdono senza limiti. Perdonare settanta volte sette!
Gesù aveva parlato dell’importanza del perdono e della necessità di saper accogliere i fratelli e le sorelle per aiutarli a riconciliarsi con la comunità (Mt 18,15-20).
Davanti a queste parole di Gesù, Pietro chiede: “Quante volte devo perdonare il fratello che pecca contro di me? Fino a sette volte?” Il numero sette indica una perfezione. Era sinonimo, in questo caso, di sempre. Gesù va molto più in là della proposta di Pietro.
Elimina qualsiasi possibile limite al perdono: “Non ti dico sette, ma fino a settanta volte sette!” Ossia, settanta volte sempre! Poiché non c’è proporzione tra il perdono che riceviamo da Dio ed il perdono che noi dobbiamo offrire al fratello, come ci insegnerà la parabola del perdono senza limiti.

   

il Podcast di don Luciano