Vangelo di oggi

Il Vangelo del giorno – Giovedì 11 gennaio

Vangelo di Marco 1, 40-45

In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito, la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro».
Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.

Parola del Signore

Commento

«Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse». Quattro azioni che restituiscono a un lebbroso la sua dignità all’interno della comunità sociale e religiosa. Quattro verbi che siamo chiamati a fare nostri nei confronti di chi incontreremo, soprattutto verso coloro che saremmo tentati di allontanare.
Tutto parte dalla compassione, da quelle viscere che sanno percepire la sofferenza dell’altro. Un sentire che si fa prossimità e tocco, nella consapevolezza che un gesto di umanità è capace di trasformare la vita di una persona.
Infine quella parola che dice il desiderio di Dio nei nostri confronti e il desiderio di bene che siamo chiamati a custodire e a donare a ogni fratello. Dio non resiste di fronte alla richiesta di salvezza dell’uomo, attende solo di poter rispondere: «Lo voglio».

   

il Podcast di don Luciano