Vangelo di oggi

IL VANGELO DEL GIORNO – martedì 30 MAGGIO

Mc 10,28-31 Riceverete in questo tempo cento volte tanto insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà.

In quel tempo, Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà. Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi».

Parola del Signore

Contemplo

Perdonaci, Signore, la nostra mentalità commerciale. Siamo abituati a quantificare e a “monetizzare” tutto: “Tradotto in denaro, quanto fa?”, è una frase che ricorre spesso sulle nostre labbra. Aiutaci a calcolare in termini di grazia che è gratuità, potenza di amore, disinteresse. Aiutaci a dare e a darci senza calcolo, lieti di spenderci perché tu sia conosciuto e amato. Ci sentiremo davvero figli di quel Padre che è prodigo di amore con tutti. Aiutaci a desiderare quel premio che sei tu stesso, già oggi presente nella nostra vita, nel￾la speranza che noi, un giorno, possiamo riposare, definitivamente, nella tua.

Commento al Vangelo di oggi

“Non abbiate paura, aprite anzi spalancate le porte a Cristo!” [….]. Ai forti, ai potenti del mondo, i quali avevano paura che Cristo potesse portar via qualcosa del loro potere, se lo avessero lasciato entrare e concesso la libertà alla fede! [….] Egli avrebbe certamente portato via loro qualcosa: il dominio della corruzione, dello stravolgimento del diritto, dell’arbitrio. Ma non avrebbe portato via nulla di ciò che appartiene alla libertà dell’uomo, alla sua dignità, all’edificazione di una società giusta [….]. Non abbiamo forse tutti in qualche modo paura – se lasciamo entrare Cristo totalmente dentro di noi, se ci apriamo totalmente a lui – paura che Egli possa portare via qualcosa della nostra vita? Non abbiamo forse paura di rinunciare a qualcosa di grande, di unico che rende la vita così bella? […..]Chi fa entrare Cristo non perde nulla, nulla assolutamente nulla di ciò che rende la vita libera, bella e grande. No! Solo in questa amicizia si spalancano le porte della vita. Solo in questa amicizia si dischiudono realmente le grandi potenzialità della condizione umana. [….] Non abbiate paura di Cristo! Egli non toglie nulla e dona tutto. Chi si dona a lui riceve il centuplo. Si, aprite, spalancate le porte a Cristo e troverete la vera vita.

(Benedetto XVI Santa Messa per l’inizio del Ministero Petrino, 24 aprile 2005)

   

il Podcast di don Luciano