Vangelo di oggi

Il Vangelo del giorno – Sabato 9 dicembre

Matteo 9, 35-38-10, 1. 6-8

In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità. Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».
Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità. E li inviò ordinando loro: «Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino.
Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date».

Parola del Signore

Commento al Vangelo di oggi:

Dalle parole di Gesù prorompe un messaggio colmo di letizia che ci riguarda in prima persona. Il Maestro desidera che la sua Parola arrivi a tutti gli uomini ancora chiusi nella prigione del loro egoismo, ma solo la preghiera può ottenere il miracolo che qualcuno raccolga l’invito di fare della propria vita un dono ai fratelli, annunciando loro la bellezza del Regno di Dio. Noi abbiamo ricevuto tutto gratuitamente, e tutto diviene fecondo se a nostra volta ne rendiamo partecipi gratuitamente gli altri.

   

il Podcast di don Luciano