La premura di Dio, la saggezza dello spirito

Papa FrancescoSenza la tentazione non viene sperimentata la premura di Dio per noi, non si guadagna la fiducia in lui, non si impara la saggezza dello spirito, e l’amore di Dio non si radica nella nostra anima. Dinanzi alle tentazioni l’uomo prega Dio come uno straniero. Dopo però che egli, grazie al suo amore per lui, ha sostenuto la tentazione senza farsi sviare dalla tentazione stessa, Dio guarda a lui come a uno che l’ha amato e che può legittimamente ricevere da lui la ricompensa: lo considera un amico
che per suo amore ha combattuto contro la potenza dei nemici, i demoni.

(Isacco di Ninive, citato in A. GRON, Il cielo comincia in te, Brescia 20002, 57s.).