In ogni momento di malinconia

5[1]

 Mi piace proporre alla contemplazione del credente una pre­ghiera composta da Valeria, una bambina di nove anni, nel gior­no della sua prima comunione (era il 1989). La croce di Cristo l’ha toccata presto con la sua ombra benefica: fu privata subito dell’affetto della mamma Gisella, che doveva assistere una sua sorellina nata down e operata trentun volte. Valeria prega dun­que così:

«Gesù, ti ringrazio perché oggi ti ricevo con gioia nel mio cuo­re; ti ringrazio perché, in ogni giorno e in ogni minuto, mi aiuti a vincere la tristezza e me la cambi in gioia; ti ringrazio perché, in ogni momento di malinconia, mi aiuti a essere felice e sorriden­te: e, nelle difficoltà, mi fai capire tutto quello che devo fare. An­che a me, che sono solo una bambina, tu dai forza per portare serenamente la mia croce. Ti ringrazio perché ho capito che, senza una croce, nessuno può essere felice: e perché, vivendo nella sofferenza, si impara che, in ogni esperienza bella o brutta della nostra vita, ci sono sempre tanti motivi per essere felici, lo sono felice sebbene ho anch’io la mia croce: e di questa croce che mi hai donato, Signore, ti ringrazio con tutto il mio cuore. Amen».

 

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker