Sempre fedele e benevolo

“…Signore Dio che sei benevolo verso coloro che ti amano…” (Dn 9,4b-10)

Aiutaci, scopri come

compiere il beneCon un incredibile realismo il profeta Daniele racconta il rapporto tra Dio e il suo popolo. Anzitutto riconosce quali sono le prerogative di Dio: grande, tremendo, fedele, benevolo.
Dopo però, non censura quale sia la risposta dell’uomo: peccatore, malvagio, empio, ribelle ma soprattutto incapace di ascoltare coloro che hanno parlato nel nome di Dio. Proprio in questa incapacità di ascolto risiede l’origine di ogni peccato.
Dio continuamente parla all’uomo attraverso ogni circostanza della vita, ogni attimodell’esistenza è pieno della sua parola, ma noi rivolgiamo la nostra attenzione e il nostro orecchio altrove. Preferiamo essere ammalati dal canto incantevole e ingannevole delle tante sirene, piuttosto che prestare ascolto a Colui che ci conosce di più e meglio di quanto noi conosciamo di noi stessi. Ancora ai nostri giorni spesso ci lasciamo ammaliare dalle voci suadenti del peccato e del male, che promettono e non mantengono.
Parole vuote che producono vuoto, parole banali che banalizzano tutto. Eppure il Signore rimane fedele e benevolo, più grande di ogni male, tremendo contro il peccato.

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: