Voi invece vi siete accostati

Madre_Teresa_di_CalcuttaMadre Teresa di Calcutta diceva: “Nessuna parola è insignificante. Ogni parola che si pronuncia ha un effetto sul mondo intero. Se la nostra parola è buona, produce luce nel mondo, se è cattiva, produce tenebre.” Come non darle ragione, prendendo spunto dai fatti di Parigi? Se la mia parola non è detta per benedire di sicuro non attira pace e i demoni del male si moltiplicano dentro e fuori di noi. Infatti, c’è una terra sacra dentro di noi che non dovremmo mai trascurare o far calpestare ad altri, perché siamo creati ad immagine di Dio. Ha ragione san Paolo quando nella lettera agli efesini scrive: “Fratelli, voi non vi siete avvicinati a qualcosa di tangibile né a un fuoco ardente né a oscurità, tenebra e tempesta, né a squillo di tromba e a suono di parole, mentre quelli che lo udivano scongiuravano Dio di non rivolgere più a loro la parola. Lo spettacolo, in realtà, era così terrificante che Mosè disse: «Ho paura e tremo». Voi invece vi siete accostati al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e a migliaia di angeli, all’adunanza festosa e all’assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli, al Dio giudice di tutti e agli spiriti dei giusti resi perfetti, a Gesù, mediatore dell’alleanza nuova, e al sangue purificatore, che è più eloquente di quello di Abele”. Così, quando sentiamo bestemmiare preghiamo nel silenzio o, se proprio dobbiamo parlare, parliamo di bene. Tutto ciò fa sì che la gente sia portata a riflettere, e a condividere Jorge Mario Bergoglio, prima ancora di diventare sacerdote: “Voglio credere in Dio Padre, che mi ama come un figlio, e in Gesù, il Signore, che ha infuso il suo Spirito nella mia vita per farmi sorridere e portarmi così al regno di vita eterna”.

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker