Il filo di paglia

la-valsugana-3-a33f4d25-7ed6-487e-93fd-3907d338177a

Prendi un filo di paglia e buttalo in aria: da quel che fa, potrai capire da quale parte spiri il vento.
Questa frase attribuita  John Selden  evoca in me l”immagine biblica dell’empio che è «come pula che il vento disperde» (Salmo 1, 4). O al ritratto del Battista abbozzato da Gesù: non una molle canna agitata dal vento, ma una quercia solida e ben radicata. Sì, la persona immorale o superficiale è pronta a piegarsi a ogni vento; la leggerezza dello spirito è come quella di una piuma o di una pagliuzza che può orientarsi in qualsiasi direzione secondo l’aria dominante. E qui mi viene in mente un autore ben più celebre e alto del nostro Selden, cioè Dante, che nel Paradiso mette in bocca a Beatrice più o meno la stessa immagine facendola diventare un appello rivolto agli incostanti: «Siate, cristiani, a muovervi più gravi:/ non siate come penna ad ogni vento,/ e non crediate ch’ogni acqua vi lavi» (V, 73-75). Parole sacrosante anche e soprattutto per i nostri giorni in cui impera la banalità, in cui si è retti dall’opinione corrente, in cui c’è ben poco di “pesante”, cioè di fermo e consistente, di forte e fondato. Anche l’ignoto Selden ci può aiutare a un esame di coscienza sulla serietà e sulla coerenza.
Mons. Ravasi

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *