Un bambino

Un bambino di pochi anni che dice la sua Ave Ma­ria vale più del grande filosofo che rimane sul piano puramente naturale, che non ha la possibilità, perché non ha la fede, di incontrarsi con colui che trascen­de tutte le cose. Se si vivesse il catechismo che cosa vi­vremmo! Non abbiamo bisogno di tante idee elevate: basterebbe vivere il nostro catechismo. Pensate la tentazione che rappresentano per tante persone le conquiste moderne della scienza: ma allora il cristianesimo? Che cos’è questo cristianesimo? Si va nelle stelle… E che cos’è andar nelle stelle? Che cos’è nei confronti di una preghiera? Una preghiera vale più di tutti gli sputnik, più della bomba atomica, an­che se con la bomba atomica si può dare la morte al­la vita del mondo… Ma anche se si creasse la vita, una vita animale che cosa vorrebbe dire? La preghiera ci mette in rapporto col Creatore, ci innalza al di sopra di tutta la creazione! Con lo sputnik non si sale oltre la creazione, non si raggiunge Dio, ma l’umile preghiera di un bimbo stabilisce una comunione di amo­re, mette in comunione l’uomo con colui che è al di sopra di tutte le stelle.

Divo Barsotti

briciole di vangelo

__________

Ascolta l’audio commento al Vangelo del giorno di don Luciano, scegli tra:

youtube-logo apple podcast logo spreaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *